Endodonzia - CEMED centro medico dentistico - Bergamo & Cremona

Vai ai contenuti

Menu principale:

Endodonzia

Trattamenti
 

                     LA DEVITALIZZAZIONE

 

L’Endodonzia è la scienza medica, nell’ambito dell’Odontoiatria, che ha per oggetto i tessuti interni del dente, le patologie e i trattamenti correlati. Quando questi tessuti o i tessuti che circondano la radice dentale si ammalano o danneggiano a causa di carie o traumi, il trattamento endodontico permette di salvare il dente.




Il trattamento endodontico

In cosa consiste?

Il trattamento endodontico (o cura canalare anche detto devitalizzazione o canalizzazione) consiste nella rimozione della polpa (nervo dentale) infiammata e infetta, presente all’interno del dente e per tutta la lunghezza delle radici, e nella sua sostituzione con un’otturazione permanente in guttaperca e cemento canalare, previa adeguata detersione e sagomatura dei canali radicolari.

E' auspicabile capsulare i denti devitalizzati per prevenire eventuali fratture che possono portare ad una prematura estrazione del  dente.

La Cura Canalare può far male?

Durante il trattamento endodontico il dolore è sotto controllo grazie all’anestesia locale. Un indolenzimento, che può essere soggettivamente più o meno fastidioso, può essere presente dopo la terapia, ma è facilmente controllabile con un comune analgesico. Raramente, in radici particolarmente infette, può svilupparsi un ascesso con dolore e gonfiore a causa del passaggio di batteri nell’osso che circonda le radici. L’insorgenza di queste complicanze non pregiudica necessariamente il successo del trattamento in corso.

Le fasi operative

  -  anestesia locale per neutralizzare il dolore anche nei casi con polpa ancora sensibile;
  - apertura della camera pulpare: accesso alla polpa attraverso una cavità preparata dal lato masticante del dente;
  - ricerca del o dei canali radicolari e rimozione dei relativi nervi;
  - misurazione della lunghezza di lavoro ossia di ciascun canale presente,mediante radiografia e  localizzatore elettronico d’apice;
  - strumentazione dei canali mediante strumenti endodontici che asportano la polpa canalare,  contaminata dai batteri e sostanze infette, creando nel medesimo tempo una forma delle pareti adatta a una completa otturazione;
  - lavaggi con ipoclorito di sodio, potente disinfettante, per ottenere un ambiente il più possibile pulito e asettico;
  - otturazione canalare mediante guttaperca, materiale plastico e modellabile con il calore, associato a un cemento canalare;
  - ricostruzione della corona;
  - controllo radiografico della fine della cura;
  - eventuale protesi fissa (corona o ponte).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu